Come arredare casa in stile minimal

Come arredare casa in stile minimal, i consigli di Io Ristrutturo e Arredo

I consigli di Io Ristrutturo e Arredo per arredare una casa minimalista contemporanea: materiali, colori e soluzioni di design per cucina, soggiorno e camera da letto.

Chiariamoci subito: quando si parla di arredamento, minimal non è sinonimo di triste e spoglio. Al contrario, il minimalismo è uno stile pensato proprio per esaltare la bellezza di una casa con pochi sapienti tocchi: scegliendo soluzioni azzeccate ed essenziali, l’abitazione trasmetterà un’incredibile sensazione di pulizia, freschezza e armonia, che la farà sembrare appena uscita da una patinata rivista di interior design.

Scopriamo allora coi consigli dei progettisti di interni di Io Ristrutturo e Arredo come arredare una casa minimalista moderna, quali sono le caratteristiche principali dell’arredamento minimal e come declinare al meglio questo sofisticato stile nei più vissuti ambienti della casa: soggiorno, cucina e camera da letto.

Arredamento minimal: geometrie pulite, colori neutri, materiali lisci e resistenti

Linee rette e geometriche, forme pulite, arredi ridotti all’essenziale e colori neutri: sono gli elementi cardine dello stile d’arredo minimalista.

Se sogni una casa fatta di spazi ampi, valorizzati dalla luce e da un arredo semplice e senza fronzoli, il minimal è certamente lo stile che fa al caso tuo. Esistono poi diverse declinazioni del minimalismo (contemporaneo, zen giapponese, nordico scandinavo, e così via) che si possono prendere come spunto per personalizzare il mood dell’ambiente in base ai propri gusti e alle proprie inclinazioni.

Ciò che rimane inderogabile è l’essenzialità di base, che si traduce in elementi semplici e poco invasivi per rendere gli ambienti più ordinati, ampi e ariosi e favorire la connessione tra spazi, che non sono più stretti dai mobili, ma al contrario li accolgono.

Le linee da ricercare nei mobili, come già anticipato, sono nette, pulite: solo forme che possono essere disegnate con un unico tratto di penna. Anche la scelta dei materiali è importantissima quando si tratta di arredare una casa minimalista moderna: orientatevi verso tutto ciò che è resistente, possibilmente liscio al tatto e capace di creare visivamente continuità con l’ambiente.

Ad esempio il legno è perfetto per l’arredamento di casa minimal chic: nelle sue essenze naturali trasmette una sensazione di calore unica, sia nel parquet che nei mobili.

Anche vetro e metallo sono ideali per una casa minimalista perché lucidi, lisci e al contempo solidi e dal carattere forte.

Per i tessuti, invece, via libera alla morbidezza, pur mantenendo il rigore di fondo. Un cuscino spazzolato e tende a tinta unita dal tessuto morbido sono benvenuti.

I colori rigorosamente neutri, bilanciati con la luce naturale, donano all’ambiente quell’aspetto di ordine e sobrietà tipico dell’arredamento minimal. Prevalgono bianco, nero e grigio in tutte le loro declinazioni; per un tocco di colore sono ammesse cromie naturali (come terra o tortora), sempre bilanciate da dettagli neri e spaziose pareti bianche.

Il gioco sta nel bilanciare il tutto inserendo una nota di colore qua e là, senza sovraccaricare l’ambiente di forme, dettagli e colori: possiamo scegliere tra una serie di quadri in bianco e nero, piantine verdi, un cuscino dalla texture che cattura l’occhio, termoarredi di design, volumi nella libreria a muro, e così via.

L’arredo minimal in soggiorno

La zona living di un appartamento arredato in stile minimalista dev’essere l’ambiente in cui domina lo spazio ampio e aperto: un bel divano, una libreria, un tavolo e poco più, per non sovraccaricare l’ambiente e lasciare agio di movimento.

Nonostante siano distinte tra loro, nelle abitazioni contemporanee zona pranzo e zona relax si fondono in un’unico open space, passando facilmente dalla tavola al divano e stimolando i momenti conviviali.

Rivestimento in pannelli di legno sulla parete interna del soggiorno.

Il divano, con la sua struttura di impatto, dominerà la scena e sarà il re della stanza; possiamo “incorniciarlo” con un semplice tappeto dalle trame sottili.

Il tavolo ha una struttura lineare e sottile, spesso con gambe in metallo e piano in vetro che si iscrivono idealmente in una scatola. Sopra al tavolo il punto luce è caratterizzato spesso da una fila di tre sospensioni (se il tavolo fosse tondo è possibile optare per una sola sospensione più grande, ma comunque leggera e poco impattante).

Le tende non vogliono sicuramente tendaggi pesanti e sofisticate mantovane: i veri amanti del minimal scelgono le tende a rullo o a pannello, tanto essenziali quanto funzionali (per approfondire, leggi la nostra Guida ai moderni tendaggi per interni).

La cucina minimal a isola o scomparsa

Che sia separata o dialogante con il soggiorno, la cucina minimal è sempre contraddistinta da un arredamento pratico ed elegante al tempo stesso, caratterizzato da superfici lisce e metalliche.

La cucina a isola è quella che più si accorda allo stile minimalista, perché consente di vivere questo ambiente con maggior agio, muovendosi e trafficando senza costrizioni.

Quando invece non c’è spazio a sufficienza, un’idea che può rivelarsi vincente è la cucina in linea con le pareti che si chiudono come armadi, in modo che quando non si utilizzano i fornelli la cucina “scompare” alla vista.

No alle maniglie per pensili e ante: oggi sono facilmente sostituibili con meccanismi push pull e cassetti rallentati.

L’acciaio è il materiale più scelto e apprezzato per il top di una cucina minimal, il resto dell’armadiatura può essere bianco o nelle essenze naturali del legno; per chi volesse osare con uno stile minimal chic particolare ci sono meravigliose cucine interamente in vetro.

La camera da letto minimal

Una semplice struttura per il letto in metallo o in legno, delle sospensioni o piccole abat-jour per le luci di lettura e delle mensole per comodini sono ciò che serve per una zona notte in puro stile minimal, da arricchire a piacimento con tessuti e qualche piccolo dettaglio colorato.

Zona notte arredata in stile nordico scandinavo.

Discorso diverso per l’armadio, per il quale abbiamo tre soluzioni differenti: 1) utilizzare un ripostiglio riadattato a cabina armadio, 2) attrezzare la parete con mensole e bastoni appendiabiti a vista (soluzione scenografica e decisamente per puristi del minimal), oppure 3) inserire un armadio a muro a tutta parete con ante lisce, senza maniglia, ricreando così una parete di fondo fittizia.

Per impreziosire la camera da letto e darle un tocco più intimo si può inserire anche una poltroncina vicino la finestra, creando un semplice ma accogliente angolo lettura.

Arredamento minimal, richiedi online il consiglio degli esperti!

Se hai deciso di ristrutturare casa e arredarla in puro stile minimal, o se semplicemente stai cercando nuove soluzioni di arredo per donare al tuo appartamento un’atmosfera più essenziale e moderna, vieni a trovarci in uno dei 90 punti vendita presenti in tutta Italia o contattaci direttamente online: i nostri progettisti e interior designer sapranno consigliarti la migliore soluzione a partire dal tuo budget e dalle tue esigenze.

 


Cerchi una consulenza o un progetto di interni per arredare casa in stile minimal?

Trova l’esperto IReA più vicino a te