Idee per scegliere il soppalco perfetto: normativa, tipologie e consigli

Soppalco in legno per appartamento moderno.

Quella di costruire un soppalco è una delle soluzioni salvaspazio più praticate da chiunque abbia necessità di creare in casa una nuova stanza o un semplice ripostiglio.

La costruzione di un soppalco non è un’attività da semplice fai da te: bisogna prima controllare tutta una serie di aspetti per non perdere tempo e soldi o, peggio, per non andare incontro a problemi con i permessi.

La possibilità o meno di realizzare soppalchi all’interno di un’abitazione dipende principalmente da due “categorie” di requisiti:

Quando un soppalco è abitabile? La normativa e i requisiti necessari

Cominciamo facendo un po’ di chiarezza: la legislazione italiana impone restrizioni solo per i soppalchi abitabili, quindi per quelle strutture fisse con profondità superiori ai 180 cm che implicano un aumento degli spazi dell’abitazione e necessitano quindi di interventi murari, anche se minimi.

Prima di costruire un soppalco abitabile è quindi necessario rivolgersi agli uffici preposti per capire quali siano i Regolamenti Edilizi e Igienici Comunali in vigore. In linea generale i parametri da verificare saranno altezza, superficie, circolazione dell’aria e illuminazione, con i valori medi che vedremo nei paragrafi seguenti.

Un soppalco in camera da letto.

Quanto deve essere alto il soffitto per fare un soppalco abitabile?

La maggior parte dei regolamenti prevede per i soppalchi abitabili un’altezza minima di 210-220 cm sia sopra che sotto la struttura, 240 cm in caso di soppalco attrezzato per cucina o bagno. Il locale dovrà quindi essere alto circa 440-450 cm, addirittura 470 cm secondo alcuni regolamenti particolarmente severi.

Inutile dire che abitazioni con soffitti di queste altezze non sono facili da trovare, quindi un soppalco abitabile rimane prerogativa di spazi abitativi sviluppati verso l’alto come loft, ex locali industriali, appartamenti a due piani completamente reinventati.

In un normale appartamento è raro disporre di soffitti abbastanza alti per costruire un soppalco abitabile; in questo caso si dovrà ripiegare su soluzioni meno impattanti come un soppalco d’arredo o ripostigli soppalcati.

Superficie soppalcata e parapetto

Tutti i regolamenti comunali prevedono che la superficie del soppalco sia proporzionata allo spazio totale della stanza.

Prendiamo come riferimento il regolamento del Comune di Milano. L’art. 99, specifica la superficie soppalcabile in base all’altezza sopra e sotto la struttura:

  • tra 210-230 cm – un terzo della superficie
  • tra 230-270 cm – metà della superficie
  • oltre i 270 cm – tre quarti della superficie

Il soppalco, inoltre, dovrà sempre avere il lato maggiore aperto sul resto del locale, con parapetto di almeno 110 cm per ragioni di sicurezza.

Rapporto aeroilluminante

La luce e il ricambio d’aria nei soppalchi devono essere garantiti mediante l’installazione di finestre o di un adeguato sistema di aerazione.

Anche in questo caso è indispensabile rivolgersi all’Ufficio Edilizia del proprio Comune per conoscere con precisione i criteri di aerazione e illuminazione da rispettare per costruire il vostro soppalco.

Soppalco in legno e metallo.

Tipi di soppalco realizzabili senza requisiti minimi

Soppalco non abitabile

Si tratta di una struttura di dimensioni ridotte non adibita a spazio abitativo; in parole semplici, è un soppalco utilizzabile come ripostiglio o magazzino senza particolari limitazioni.

Il fatto che un soppalco non sia abitabile, e che quindi non richieda permessi per essere costruito, non implica che questo tipo di struttura sia di facile realizzazione e non necessiti di un intervento professionale di ristrutturazione. Un soffitto soppalcato utilizzato come ripostiglio, infatti, deve comunque rispettare precisi criteri di robustezza e tenuta dei carichi.

Soppalco d’arredo

In caso di soffitti con altezza insufficiente o di abitazioni dove non è possibile mettere mano alle parti in muratura, si ricorre spesso a una soluzione ibrida come il soppalco d’arredo, una particolare struttura smontabile di dimensioni ridotte, in metallo o legno, che va a creare una seconda superficie all’interno della stanza.

La tipologia di soppalco d’arredo più utilizzata è il letto a soppalco; in questo caso, lo spazio sottostante può essere destinato a zona relax, magari con una poltroncina e un mobile libreria, oppure a zona studio arredata con una scrivania.

Soppalco in open space living room.

Come scegliere il soppalco giusto

Progetto di soppalco in legno

Scelta ideale per chi ha bisogno di una struttura versatile e realizzabile in tempi rapidi, il soppalco in legno garantisce ottima resistenza e una resa estetica unica. Il legname, infatti, riesce sempre a dare un tocco rustico e naturale agli ambienti domestici, pur con qualche difetto se utilizzato per strutture sospese come i soppalchi.

Il legno del soppalco, col tempo, tenderà a deformarsi e scricchiolare. Passandoci sopra si avrà sempre una sensazione di leggero cedimento dovuta alla natura parzialmente elastica di questo materiale, sensazione a cui, per fortuna, ci si abitua facilmente.

Soppalchi in metallo

Alternativa molto gettonata al legno è il soppalco in ferro o acciaio, struttura che garantisce elevata resistenza e versatilità, oltre alla possibilità di abbinamento con materiali diversi per la pavimentazione. 

Il costo di un soppalco in metallo è mediamente superiore rispetto alla variante in legno. L’unica nota negativa è rappresentata dalla rumorosità della struttura, inevitabile anche in caso di pavimentazione realizzata in metallo.

Soppalco in ferro e legno

Una buona soluzione per combinare estetica e praticità, laddove gli spazi sono contenuti, è optare per un soppalco rivestito in effetto legno con struttura portante in ferro: rispetto ad un soppalco con struttura in legno, consente di avere un’altezza inferiore e può quindi essere realizzato più facilmente.

Soppalco chiuso con vetro

Un soppalco in vetro è in realtà una variante di quello in metallo, una struttura portante con travi e pilastri in ferro o acciaio che viene completata con elementi di tamponamento in vetro. L’effetto finale è un soppalco moderno e luminoso utile per recuperare spazio senza rinunciare alla vivibilità.

Se da una parte un soppalco in vetro è la soluzione più bella ed elegante da adottare, dall’altra bisogna anche considerare il costo elevato dei materiali e il fatto che le superfici in vetro tendono ad essere usurabili e a sporcarsi più facilmente. Problema, quest’ultimo, che si può risolvere utilizzando vetri satinati o decorati, ovviamente con una spesa aggiuntiva.

Soppalchi in muratura

Quando l’altezza del locale lo permette, è possibile optare per un soppalco in muratura, una vera e propria opera edile, che deve essere realizzata da un’impresa di ristrutturazioni professionale, per avere massima garanzia di sicurezza e resa estetica. Questo tipo di soppalco va progettato e integrato nella struttura muraria esistente con accortezza, per evitare brutture o problemi di abitabilità.

Punti di forza di un soppalco in muratura sono sicuramente l’elevata stabilità e la possibilità di utilizzarlo come vero e proprio locale aggiuntivo, magari installando gli impianti per un bagno o una cucina.

Di contro, saranno necessari tempi più lunghi per la realizzazione e tutta una serie di verifiche preventive per evitare di ritrovarsi con problemi strutturali o con un ambiente non a norma.

Soppalco con vetrata.

Prima di iniziare chiedi il consiglio di un esperto!

L’unico consiglio davvero importante che ci sentiamo di dare è quello di stare alla larga dalle tentazioni del fai da te e della favola del “poca spesa, massima resa”.

A parte i soppalchi d’arredo, che in fin dei conti non sono altro che mobili particolari, gli altri tipi di soppalco sono vere e proprie strutture edili che devono essere pensate, progettate e realizzate secondo determinati criteri di design, normativi e di sicurezza, unico modo per non rimanere scottati con risultati disastrosi ed avere garanzia di un lavoro fatto a regola d’arte.

Vuoi un preventivo o una consulenza per scegliere il tuo soppalco?

Trova il negozio IR&A più vicino a te