Materiali antibatterici residenziali: guida alla scelta

I migliori materiali per avere superfici antibatteriche sane, sicure e pulite.

La rassegna dei migliori materiali antibatterici per le superfici di bagno, cucina, rivestimenti e pavimenti.

Progettare una nuova casa o avviare una ristrutturazione richiede sempre grande attenzione nella scelta dei materiali utilizzati per rivestimenti e servizi. Non bisogna infatti considerare solo prezzo, aspetto estetico e qualità fisiche ma anche le proprietà antibatteriche del materiale che andremo a posare in casa nostra.

Dopo aver parlato delle qualità della ceramica antibatterica per pavimenti, è il momento di vedere in dettaglio quali sono le principali categorie di materiali antibatterici per la casa, con una selezione dei migliori prodotti consigliati dai professionisti del network Io Ristrutturo e Arredo.

Principali tipologie di materiali antibatterici per la casa

I rivestimenti antibatterici sono quei materiali utilizzati nell’edilizia domestica per ricoprire pavimenti, pareti e servizi igienici, in grado di garantire un certo grado di protezione contro germi e batteri presenti nell’ambiente domestico.

Dall’altra parte abbiamo invece la maggior parte dei normali rivestimenti residenziali, come ad esempio marmo, ceramica e legno, che non offrono alcuna capacità di controllo batterico e che necessitano di una costante attività di pulizia con saponi e detergenti per essere igienizzati.

Per meglio orientarsi nella scelta del miglior materiale antibatterico per i nostri rivestimenti, ecco una serie di caratteristiche utili da considerare in fase di progettazione di un nuovo immobile, di una ristrutturazione o di un semplice relook.

Materiali antibatterici naturali

La prima categoria di materiali antibatterici è quella costituita da tutti quei materiali dotati di capacità antibatteriche naturali. Parliamo soprattutto di rame, argento, oro e zinco, metalli la cui struttura chimica costituisce una barriera naturale contro il proliferare di funghi, virus, germi e batteri.

Il rame e le sue leghe, come ottone e bronzo, sono infatti un ottimo esempio di materiali antibatterici naturali in grado di distruggere e non fare proliferare molti dei microrganismi presenti sulla propria superficie attraverso un processo interno puramente chimico.

La scelta del rame come materiale per le superfici domestiche è una soluzione non sempre praticabile, soprattutto a causa delle limitazioni del metallo stesso in termini di resistenza e possibilità di modellazione.

Anche il ricorso alla ramatura o zincatura delle superfici ha i suoi problemi, visto che lo strato in metallo è talmente sottile da non poter garantire nel lungo periodo un’adeguata capacità antibatterica: è infatti sufficiente un graffio o un’abrasione per mettere allo scoperto il materiale sottostante, non antibatterico, per vanificare l’utilità igienica dello strato metallico.

Materiali con trattamento antibatterico superficiale

Esistono poi materiali utilizzati per rivestire le superfici domestiche che acquisiscono capacità antibatteriche in seguito a processi di alterazione chimica o strutturale. Dopo tali processi il materiale viene rivestito con una apposita pellicola, oppure trattato in superficie con composti chimici particolari – come gli ioni d’argento – che uccidono i batteri, i quali saranno poi facilmente rimossi con le normali operazioni di pulizia.

Principale problema di questi materiali antibatterici, siano essi rivestiti o trattati in superficie, è lo stesso di ramatura e zincatura: la protezione igienica è garantita solo dallo strato superficiale che, in caso di danni o usura prolungata, può venire meno: una volta trovata una falla nello strato superficiale, batteri e germi torneranno a proliferare.

Materiali con antibatterici integrati

Questa categoria comprende tutti quei materiali che hanno acquisito proprietà antibatteriche attraverso l’integrazione completa al loro interno di composti chimici come il biossido di silicio o di titanio e il già citato trattamento con ioni d’argento.

Parliamo quindi di materiali o miscele di materiali eterogenei (plastiche, ceramiche, metalli) trattati in modo tale da mantenere sempre la loro efficacia antibatterica, al contrario di quelli trattati superficialmente, proprio perché gli elementi antibatterici fanno parte del materiale stesso.

Appartengono a questa categoria la maggior parte dei prodotti commerciali utilizzati per il rivestimento delle superfici domestiche come pavimenti, pareti del bagno e piani cucina.

La protezione microbica di un materiale è sempre attiva?

Bisognerebbe sempre porsi questa domanda prima di scegliere un pavimento o un rivestimento antimicrobico per la casa, visto che non tutti i materiali possono garantire una schermatura antibatterica costante nel tempo.

La protezione antibatterica di alcuni materiali, ad esempio, si attiva con i raggi ultravioletti, quindi durante le ore diurne; questo accade perché i composti chimici utilizzati come antimicrobici nel materiale, ad esempio il biossido di titanio, quando vengono sollecitati dalla radiazioni solari generano ossigeno attivo che decompone lo sporco sulle superfici, rendendolo più facile da rimuovere con la pulizia.

Dall’altra parte abbiamo invece i materiali con composti chimici antibatterici sempre attivi, come ad esempio gli ioni di argento, che al solo contatto con l’aria reagiscono abbattendo la carica batterica della superficie fatta con quel materiale.

I nostri consigli sui migliori rivestimenti antibatterici residenziali

Lea Ceramiche: Protect

La linea di ceramiche per pavimenti e rivestimenti Protect di Lea Ceramiche garantisce ottime prestazioni antibatteriche e di pulizia grazie agli ioni d’argento integrati nella ceramica stessa delle piastrelle. Questo garantisce una protezione da muffe, microbi e batteri per tutto il giorno, oltre che un’efficacia duratura, anche in caso di superfici con micrograffi o danneggiate. Per maggiori dettagli su questo prodotto, consulta l’approfondimento sulla ceramica per pavimenti Protect.

Grespania H&C TILES

La ceramica H&C Tiles di Grespania, con tecnologia Hydrotect®, incorpora biossido di titanio che si attiva con la luce solare. Questa caratteristica rende H&C Tiles un prodotto più adatto per gli ambienti diurni, in particolare per le superfici della cucina, oppure per uso esterno, dove questo offre anche interessanti prestazioni in termini di purificazione dell’aria.

Grespania – Rivestimento in ceramica effetto cemento

Skema Flex

L’assenza di PVC o plastificanti nei pannelli per pavimenti in polimeri evoluti fa dei rivestimenti Flex di Skema un prodotto perfettamente ecologico e al contempo flessibile, silenzioso e resistente. Da sottolineare anche l’azione batteriostatica di questi rivestimenti, grazie alle proprietà di un materiale che non permette il proliferare dei batteri e ne rende più facile la rimozione attraverso la pulizia.

Corian® Solid Surface

Il Corian® è un materiale non poroso e omogeneo, composto per un terzo da resina acrilica (polimetilmetacrilato o PMMA) e per il resto da sostanze minerali naturali. Il componente principale è il triidrato di alluminio (ATH), che fornisce a questo materiale efficaci proprietà antibatteriche. Classiche applicazioni del Corian® sono i rivestimenti dei bagni e i piani cucina.

Scarabeo Bio System

I prodotti Scarabeo offrono la doppia azione antimicrobica e autopulente della tecnologia Bio System applicata alle ceramiche sanitarie. Da una parte il materiale è un ottimo battericida, dall’altra le superfici altamente idrofile permettono una facile rimozione dei batteri e delle particelle biologiche attraverso la semplice azione dell’acqua corrente.

Le proprietà antibatteriche di questo materiale non dipendono inoltre dalla luce solare e sono sempre attive, in ogni momento della giornata, particolare di non poco conto quando parliamo di sanitari, cioè di prodotti particolarmente soggetti allo sporco.

Una casa più sana e pulita

Come abbiamo visto in questa breve rassegna, le soluzioni per mantenere più sane e pulite le superfici di casa sono davvero molte, con prodotti che riescono unire l’efficacia antibatterica con i più alti standard in tema di design ed estetica.

Se stai per ristrutturare casa, o se più semplicemente vuoi rinnovarla all’insegna di comfort e sicurezza per te e la tua famiglia, puoi richiedere online il consiglio ad un professionista circa le soluzioni antibatteriche più adatte alle tue esigenze.


Cerchi il consiglio di un professionista per ristrutturare il bagno o la cucina?

Trova l’esperto IR&A più vicino a te