Mutuo prima casa più ristrutturazione: come avere garanzia statale e tassi agevolati

Fondo Garanzia per comprare e ristrutturare prima casa con tassi agevolati.

Buone nuove per chi sta progettando di metter su casa. La manovra 2020 ha rifinanziato per 10 milioni di euro il Fondo di Garanzia Mutui Prima Casa per l’acquisto e la ristrutturazione di un immobile non di lusso da adibire ad abitazione principale.

La garanzia statale copre il 50% del capitale erogato per un valore massimo di 250 mila euro – sufficiente, in molti casi, a ottenere un mutuo sulla totalità del valore dell’immobile – e permette di accendere mutui fino a 30 anni a tasso agevolato.

Vediamo come funziona il Fondo Garanzia Prima Casa e chi può richiederlo.

Fondo di Garanzia Mutui Prima Casa: i tassi agevolati con la garanzia statale

Il mutuo coperto dalla garanzia statale gode di un tasso agevolato. Nello specifico, non può avere un tasso effettivo globale (TEG) superiore al tasso effettivo globale medio (TEGM) rilevato ogni tre mesi dal Ministero dell’Economia.

Nonostante il mutuo sia negoziabile, le banche aderenti all’iniziativa si impegnano a non chiedere garanzie aggiuntive oltre a quella statale e all’ipoteca sull’immobile.

Come richiedere la Garanzia sul Mutuo Prima Casa: requisiti e limitazioni

Per accedere al Fondo statale gestito da Consap (Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici) è necessario che:

  1. la casa da acquistare sia in Italia;
  2. l’abitazione non sia accatastata come immobile di lusso. Non deve quindi rientrare nelle categorie catastali A1 (abitazioni signorili), A8 (ville) e A9 (castelli) o avere le caratteristiche di lusso indicate dal decreto ministeriale 2 agosto 1969.

Chi può ottenere la garanzia statale sul mutuo?

Non sono previsti limiti di reddito. Può fare domanda chiunque non sia già proprietario di un altro immobile ad uso abitativo – a meno che questo non sia stato acquisito in eredità condivisa con altri parenti o ceduto in usufrutto gratuito a genitori o fratelli.

Hanno precedenza le domande di:

  • giovani con meno di 35 anni con un contratto di lavoro atipico (somministrazione, collaborazione, voucher, a chiamata);
  • giovani coppie con almeno uno dei due componenti under 35;
  • genitore single con figlio minorenne convivente;
  • famiglie con disabili;
  • conduttori di case popolari.

Domanda di accesso al Fondo Prima Casa

L’accesso al Fondo deve essere richiesto compilando l’apposito modulo e presentando la documentazione necessaria presso una delle banche aderenti all’iniziativa (sul sito di Consap l’elenco completo). Sarà poi l’istituto di credito a inoltrare la richiesta a Consap.

Sono previste 3 modalità: acquisto, acquisto con ristrutturazione ed efficientamento energetico (la ristrutturazione da sola non è coperta) e acquisto con accollo da frazionamento (quando si compra direttamente dal costrutture).

Dal momento della ricezione della domanda completa di documentazione Consap ha 20 giorni di tempo per comunicarne l’esito direttamente al richiedente. In caso di esito positivo, il mutuo coperto da garanzia statale viene erogato entro 30 giorni lavorativi.

Mutuo acquisto e ristrutturazione in unica soluzione

Come anticipato, il Fondo è dedicato anche alla ristrutturazione e agli interventi di efficientamento energetico della casa acquistata, garantendo il 50% del capitale da rimborsare con il mutuo.

Insieme alle agevolazioni fiscali già previste sotto forma di detrazione per i lavori di ristrutturazione e per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici, il Fondo di Garanzia Prima Casa rappresenta un incentivo prezioso per chi si appresta a mettere su casa, facilitando l’accesso al credito a giovani e lavoratori precari o atipici e garantendoli in caso di temporanea difficoltà a rimborsare le rate.

 


Cerchi un servizio all inclusive di ristrutturazione casa per gestire anche la parte burocratica?

Trova il negozio IR&A più vicino a te